Ammortamento

Che cos’ l’ammortamento?

L’ammortamento è un valore di bilancio che rappresenta un costo d’esercizio. Viene quindi iscritto nel Conto Economico per la formazione del risultato d’esercizio (utile o perdita).

come si determina l’ammortamento?

Prima di spiegare come si determina l’ammortamento è bene fare una importante distinzione fra la diversa tipologia di Beni (materiali e immateriali) che una società puo’ acquisire e iscrivere al proprio bilancio.

Beni non strumentali e Beni Strumentali.

I beni non strumentali sono tutti quei beni che cessano la loro utilità nello stesso anno in cui sono stati acquistati. Ad esempio, la benzina è un bene e una volta usata cesserà la sua utilità. Gli integratori lo stesso.

I beni strumentali invece sono tutti quei beni che durano nel tempo, Beni quindi che partecipano alla formazione del risultato d’esercizio per più anni (amministrativi).

Esempi: Una scrivania, un automezzo, un fabbricato e nel caso di una società di calcio anche il cartellino del giocatore.

Ora che abbiamo chiaro il concetto appena espresso possiamo addentrarci nel comprendere come si determina la quota di ammortamento di ciascun Bene Strumentale.

L’ammortamento si ottiene semplicemente dividendo il costo d’acquisto di un bene strumentale per la durata di anni che esso rimarrà in azienda.

Esempio:
Cristiano Ronaldo è stato acquistato dalla Juventus per la cifra di 100 milioni di euro e ha siglato un contratto di 4 anni.

E’ facile capire dunque che la quota di ammortamento per quanto riguarda Cristiano Ronaldo è di 25 milioni di euro.

Quindi, Cristiano Ronaldo determinerà il risultato di esercizio NON per i 100 milioni del prezzo di acquisto, ma solo per i 25 milioni che rappresentano la quota di ammortamento del suo cartellino. Ovviamente vanno poi aggiunti i costi del suo stipendio. Questa procedura si ripeterà per 4 anni (salvo cessioni che potranno originare plusvalenze o minusvalenze, che vedremo).

QUALI SONO LE CONSEGUENZE DELL’AMMORTAMENTO?

Il calcolo dell’ammortamento ha due importanti conseguenze. La prima l’abbiamo già definita. La quota di ammortamento partecipa al risultato d’esercizio e va iscritta al Conto Economico (25 milioni).

La seconda importante conseguenza investe invece lo Stato Patrimoniale. Infatti ogni volta che la quota di ammortamento viene calcolata e iscritta a Conto Economico, il Valore del cartellino del giocatore (cespite in linguaggio contabile) diminuisce per lo stesso valore.

Quindi se Cristiano Ronaldo è stato acquistato per 100 milioni, il primo anno il suo valore sarà di 100 milioni, l’anno successivo di 75 milioni quello ancora dopo di 50 milioni e così via.

ESEMPIO CONCRETO

Cristiano Ronaldo viene acquistato per 100 milioni di euro. Percepisce uno stipendio lordo di 50 milioni di euro e ha una durata di contratto di 4 anni.

Vediamo di capire come varia il valore contabile di Cristiano Ronaldo nel tempo